Da oggi è in libreria il libro di Fiorella Donati: Beauty Coach

donati_

Le donne sono come le peonie.
“La peonia è un fiore bellissimo. Secondo miti e leggende, è l’unico fiore a essere coltivato nell’Olimpo. La giovane peonia Coral si presenta rotonda, con una corolla formata da petali forti e tonici, di colore rosso intenso, chiusi l’uno sull’altro. Dopo poco tempo i petali si aprono e il fiore assume una forma più morbida e il colore corallo si illumina di sfumature pastello. Uno splendore. Poi i petali diventano sinuosi, morbidi, languidi, il colore è un rosa albicocca vivo. E’ la peonia come la conosciamo, nella sua piena bellezza. Infine, i petali si schiudono, la corolla, aprendosi, scopre gli stami e i pistilli, il colore è un caldo bianco avorio. E’ diventato un fiore sensuale e morbido. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Cellulite: inestetismo o malattia?

cellulite_500La cellulite, o panniculopatia edemato-fibro-sclerotica, grande nemica di tutte le donne, è una degenerazione del pannicolo adiposo sottocutaneo. Colpisce la cute e il sottocute. Si presenta con avvallamenti e “buchi” sulla pelle, come la trama di un divano Chesterfield.

Come e perché si forma la cellulite? Cominciamo dall’anatomia. Procedendo dall’esterno verso l’interno, i tessuti sono formati dalla pelle, da uno strato di grasso superficiale, da uno strato di grasso profondo e infine dai muscoli, ricoperti dalla fascia muscolare. In alcune aree del corpo, come i glutei e le cosce, bande fibrose anelastiche connettono la pelle allo strato più profondo, cioè alla fascia muscolare, attraversando così i due strati di grasso, quello superficiale e quello profondo. Quando, a causa di un aumento del volume del grasso, lo strato superficiale diventa iperteso, sulla pelle si rendono visibili delle fossette: sono l’effetto delle bande fibrose che, non estendendosi, producono il tipico “buco”, mentre il rigonfiamento è dovuto al grasso che ernia attraverso la pelle elastica e lascia vedere quel brutto effetto.

E poi cosa accade? Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Adiposità localizzate, sovrappeso e cellulite: ecco dove e come si può intervenire

adipositaLa bellezza del corpo umano è data dall’alternarsi di concavi e convessi, con curve che rendono armonioso il profilo. Invece, le adiposità, che si localizzano in aree non appropriate e non proporzionate alla figura, rendono il corpo sgraziato.

Vi è una grande confusione tra adiposità localizzate, sovrappeso e cellulite.

Le adipositá localizzate: pochi fortunati hanno il dono delle proporzioni perfette, mentre nella maggioranza dei casi il grasso si accumula in aree ben precise e geneticamente determinate. E non c’è dieta o esercizio fisico che tenga. L’unica soluzione completa e definitiva può venire dalla liposcultura. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Affrontiamo e risolviamo i problemi post vacanza

CON FIORELLA12289v5BWF (2)Siamo tornati dalle vacanze…… Il rientro in città è faticoso. Rientrare nei vestiti attillati, nelle scarpe con tacchi, per non parlare delle levatacce al mattino per andare al lavoro o accompagnare i bambini a scuola, riorganizzare la vita lavorativa, la vita familiare. Si riparte!

La pelle si è disidratata, abbiamo preso qualche chilo, i capelli si sono sfibrati.
Bene: affrontiamo e risolviamo questi “piccoli” problemi. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Gambe toniche e slanciate

donatiGaleno (II secolo d.C.) afferma che la Bellezza non risiede nei singoli elementi, bensì nell’armoniosa proporzione delle parti. In particolare le gambe, per essere veramente belle, devono essere armoniose nei loro vari componenti, la caviglia deve essere in proporzione con il polpaccio, il polpaccio con il ginocchio e così via.

Ciò è ottenibile con la liposcultura tridimensionale. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Labbra: a ciascuno il suo modello

 

“…una bocca rossa come un fico appena spezzato…” da Siddharta, di H. Hesse.

Le labbra toniche e voluminose, con mucose rosse sono segno di bellezza e giovinezza. Con le labbra parliamo, mangiamo, sorridiamo, seduciamo. Un bel paio di labbra è caratterizzato dall’insieme di molte variabili: volume, forma, disegno dell’arco di Cupido, proiezione, simmetria. Quindi il volume è solo una di esse: vi sono labbra sottili ma ben disegnate che risultano molto sexy.

 A ciascuno il suo modello, ed è questo che una buona chirurgia plastica può dare.

Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

I seni e il loro benessere

 

Il seno è la parte del corpo femminile che piace, attira e non passa di mai di moda.

Ma cosa si può fare per avere un seno bello, tonico, sodo e in salute?

Ne ha parlato la dottoressa Fiorella Donati a In Forma Ospite Dimensione Benessere, il programma condotto da Tessa Gelisio.

Nel video i consigli della dottoressa.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Un collo da cigno, un collo perfetto

fiorella
Chi non ricorda Audrey Hepburn in “Colazione da Tiffany”, con quel collo slanciato ed elegante: una vestale della bellezza. Dunque via foulard, lupetti e colli alti: mostriamo il collo.

L’estetica del collo è determinata da tre componenti: la pelle, il tessuto adiposo sottocutaneo e, più profondamente, il muscolo platisma (muscolo pellicciaio che si estende dal mento sino alle clavicole e che si evidenzia in “cordoni cervicali” se spingiamo energicamente in giù gli angoli della bocca). Con il passare del tempo, ciascuno di essi subisce delle variazioni. La pelle diventa rugosa ed anelastica, assumendo l’aspetto di pelle da pachiderma, mentre più marcate diventano le “collane di Venere” (pieghe orizzontali presenti sin dall’infanzia, che diventano poi antiestetiche in età matura). Il grasso sottocutaneo aumenta soprattutto sotto il mento o si deposita alternandosi alle pieghe orizzontali, da “omino Michelin”. Infine il platisma perde di tono, si assottiglia e si allunga, ed appaiono i “cordoni”. Il collo diventa vecchio, tozzo e stanco.

Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page