Le occhiaie

occhiaieLe occhiaie rappresentano uno dei problemi che creano più sofferenza nelle persone – giovani, adulti, maschi, femmine -, perché danno un aspetto stanco, quasi malato.
Le cause sono molteplici e possono dipendere da uno dei seguenti fattori o dalla loro concomitanza:

Iperpigmentazione della pelle. E’ il cosiddetto dark circle, l’occhiaia vera e propria, quella che vediamo come una macchia scura sotto l’occhio. Può essere congenita, oppure causata da pigmenti che si sono accumulati nella pelle: come ad esempio l’emoglobina con i suoi prodotti di degradazione, che dà una colorazione marrone-nerastra, la quale è la principale responsabile delle occhiaie nelle pelli mediterranee, indiane e asiatiche. In questo caso si può trattare la zona con sostanze anti pigmentanti come idrochinone o il retinolo. Un cover-up nasconderà tutto.

• La pelle sottile. La pelle della regione sottostante l’occhio è estremamente sottile, tanto che si può vedere attraverso di essa. Quello che si vede sono i capillari vaso dilatati e le fibre del muscolo, che danno quella colorazione rosso-bluastra tipica dell’occhiaia. Il questo caso si consiglia l’uso di un buon correttore per nascondere la colorazione rosso-bluastra dei capillari.

• Mancanza di tessuto molle. La zona si presenta incavata per via della perdita di tessutoe ciò può essere provocato dalla conformazione di quella parte del viso o dall’invecchiamento generale. Nel primo caso il problema si presenta anche nei giovani, nel secondo è dovuto al riassorbimento dei tessuti molli perioculari e alla discesa verso il basso delle guance e degli zigomi, il cui effetto svuota la parte. La zona incavata è più scura perché più profonda. L’infiltrazione di acido ialuronico o di grasso risolverà magnificamente il problema. Il filler o il grasso vanno iniettati molto profondamente, al di sotto del muscolo orbicolare, cioè sul periostio: se invece, erroneamente, vengono iniettati in superficie, si ottiene una discolo razione bluastra (il cosiddetto Tyndall effect) oppure piccoli grumi o gonfiori. In caso di infiltrazione di grasso il disastro è permanente e i può solo sperare che si riassorba completamente. Sono personalmente contraria all’infiltrazione di grasso.

Le pseudoborse o false borse di adipe. Quando si formano le borse adipose sotto gli occhi, cioè una zona convessa, al di sotto di essa apparirà un’aerea vuota, cioè quella che il paziente chiama occhiaia. Si può immaginare quest’ultima zona, aderente all’osso, come una cintura, e la zona non aderente come la pancia al di sopra della cintura. La protuberanza (la pancia) nella palpebra inferiore è la borsa adiposa, e la zona aderente è il solco che circonda la borsa. Per migliorare il contour bisogna ridurre la taglia della pancia o diminuire la tensione della cintura, o entrambe le cose. La profondità del solco può essere ridotta riempiendola con i filler, che fanno scomparire sia l’occhiaia che la borsa adiposa. In questo caso siamo in presenta di una pseudo borsa. I filler, se ben usati, hanno la sorprendente capacità di eliminare un aspetto affaticato nel giro di pochi minuti.

• Borse di adipe. Se il grasso delle borse è ancora visibile nonostante abbiamo elevato (riempito) la zona vuota, siamo dinanzi a vere borse ( e non pseudo borse), e pertanto va eseguita una blefaroplastica inferiore con rimozione delle borse di adipe, riducendo cioè la taglia della pancia.

 

Per capire se le vostre occhiaie sono dovute a iperpigmentazione o a solchi per presenza di grasso, basta guardarsi allo specchio. Usando il dito indice e le altre dita, tendete la pelle della palpebra inferiore. se l’occhiaia scompare, significa che è dovuta all’ombra creata dalla protuberanza della borsa e, una blefaroplastica inferiore migliorerà le occhiaie. Se invece l’occhiaia rimane, significa che c’è iperpigmentazione: la blefaroplastica inferiore non migliorerà la situazione e si dovrebbe ricorrere a creme discoloranti, peeling chimici, o laser.

*************************

Questo testo è tratto dalla pagina 139 del libro “Beauty Coach” “Quando il chiururgo ci aiuta a esaltare la nostra bellezza” scritto proprio da Fiorella Donati. Edito da Sonzogno, in tutte le librerie.

donati_Fiorella Donati nel suo libro ci insegna come valorizzare al meglio il nostro corpo. Valorizzare, non cambiare. Ci insegna ad esaltare la bellezza che è in ognuno di noi, non a rifarsi.
Basato una un’esperienza medica e chirurgica di trent’anni nella realizzazione della bellezza e ricco di umana esperienza, questo libro è una preziosa guida per tutti coloro che vogliono imparare a volersi bene e a prendersi cura con successo di quella meravigliosa macchina che è il nostro corpo.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *