Adiposità localizzate: cosa fare e come intervenire

Le adiposità localizzate sono accumuli di grasso sottocutaneo in aree caratteristiche del corpo (cioé si è stati “progettati” con quella forma). Ben diversa è invece la condizione di sovrappeso, rappresentata dal grasso distribuito uniformemente su tutto il corpo.
Le adiposità localizzate non scompaiono con la dieta, anzi, quanto più si dimagrisce, tanto più risultano evidenti perché il resto del corpo si assottiglia, mentre queste adiposità restano invariate, con ancora maggiore sproporzione. Sono i casi delle silhouette “ginoidi” (fianchi grossi e torace sottile), con il profilo a “goccia d’olio”, e del biotipo “androide” (adiposità dalla vita in su).

Anche quelle apparse nel tempo (negli uomini la pancetta e le “maniglie dell’amore”, nelle donne l’aumento di adipe su addome, braccia e ginocchia) non rispondono alla dieta e alla palestra. Le cause possono essere la diminuzione degli ormoni, il cambiamento del metabolismo, la mancanza di attività fisica, le posizioni viziate o l’associazione di queste cause.

Le adiposità localizzate possono essere trattate brillantemente e definitivamente solo con la liposcultura, perché gli adipociti (cellule del grasso) vengono rimossi e quelli residui non hanno la capacità di moltiplicarsi.
Oggi ci avvaliamo di una nuova tecnica di liposcultura tridimensionale, “total body contour reshaping” (rimodellamento dell’intero profilo del corpo), perché la bellezza è il risultato della proporzione tra le parti. A differenza della “vecchia” lipoaspirazione, oggi usiamo cannule sottilissime, che rispettano i tessuti. Inoltre i cuscinetti vengono aspirati sia profondamente sia superficialmente, sfruttando così al massimo la capacità di retrazione della pelle.

Ben diverso è l’essere sovrappeso: è una condizione acquisita dipendente da dieta errata, scarsa attività fisica, patologie (ipotiroidismo, etc.). Non va trattata con la lipoaspirazione, sia per la grande quantità di grasso si perché interessa l’intera superficie corporea. Il chirurgo plastico deve rifiutarsi di operare questi casi, spiegare i rischi e le inevitavbili delusioni (il risultato non è duraturo perché non è stata curata la causa) e indirizzarlo allo specialista del caso.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

6 risposte a “Adiposità localizzate: cosa fare e come intervenire

  1. Buongiorno,
    leggendo l’articolo mi sembra di capire, che prima di rivolgersi al chirurgo plastico …. bisogna consultare un medico per capire le cause di questo problema. DI quale specialista parliamo ??? endocrinologo ??? dietologo ??? ….

    QUesto tipo di intervento, se ovviamente indicato, è con anestesia locale presso una struttura ospedaliera, oppure si tratta di un intervento semplice in ambulatorio / studio privato ???

    si tratta di soluzione unica seduta oppure ci sono successivi “ritocchi” ogni tanto nel tempo ???

    grazie tanto

  2. Buongiorno, ho fatto la liposcultura nel 2012, a parte non modificare affatto il mio corpo, mi sono ritrovata con 2 ustioni di 3° grado sulla pancia e ad un ginocchio, tanto che al ginocchio ho dovuto essere operata. Probabilmente il dottore non era dei migliori……..però il costo si

  3. Salve a tutti !Penso che sovente ci si sottoponga ad interventi chirurgici con una certa leggerezza…ad es si fanno fare i ritocchi al seno come si va dalla parrucchiera a cambiare il colore!

  4. Ho letto l’ articolo,ed e’ molto interessante.Ma io volevo chiedere alla Diffusa Fiorella Dottssa Fiorella Donati, se la cavitazione si puo’ fare, se non e’ pericolosa in quanto (ultrasuoni) se si quante sedute e se va bene fare in una seduta la parte anteriore e posteriore della coscia piu’ gluteo. E E se e’ favorevole alla Fototidiscolina.Ho molto stima e mi piace la professionalita’ che ha la Dottssa Donati, aspetto risposta quanto prima, anticipatamente ringrazio.

  5. Salve dottoressa volevo un consiglio sull addomino plastica su cosa consiste e l’eventuale convalescenza come si presenta ?sarei propensa all intervento in quanto dopo due gravidanze con cesareo, la parte addominale ha avuto un rilassamento cutaneo che non accetto!!!ma sono timorosa per il post intervento !!!ringrazianodola anticipatamente le porgo i miei saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *